Compter, parler, soigner. Tra linguistica e intelligenza artificiale

Atti - Pavia, Collegio Ghislieri, 15-17 dicembre 2014

a cura di Edoardo Maria Ponti, Marco Budassi

tutti i libri di Edoardo Maria Ponti Marco Budassi

Collana: Atti

Area Tematica: Scienze dell'antichità, filologico letterarie e storico artistiche

ISBN: 978-88-6952-037-2

Anno: 2016

Pagine: 140

Formato: 17 x 24 cm

Prezzo: 15,00 € Info acquisti

- Opera valutata e approvata dal Comitato scientifico-editoriale -

Collana: Atti

Area Tematica: Scienze dell'antichità, filologico letterarie e storico artistiche

ISBN: 978-88-6952-038-9

Anno: 2016

Pagine: 140

Scarica il file

- Opera valutata e approvata dal Comitato scientifico-editoriale -

“Compter parler soigner. Tra linguistica e intelligenza artificiale” raccoglie gli atti di un ciclo di conferenze tenute presso il Collegio Ghislieri di Pavia per esplorare le conoscenze che intercorrono tra linguistica e intelligenza artificiale.
L’obiettivo è stato trovare un bilanciamento nel rappresentare teorie e applicazioni, il livello della forma e quello della funzione, esperimenti e meta-riflessioni. Così, diverse discipline, fra cui la logica, la linguistica, l’informatica e le neuroscienze, si sono intrecciate definendo un oggetto che sarebbe incompleto se privato di una di queste prospettive.
Il filo che lega i contributi passa attraverso lo sviluppo di formalismi di calcolo combinatorio, l’impatto cognitivo di strutture linguistiche complesse, la mappatura delle parole in vettori in uno spazio multi-dimensionale grazie alla loro distribuzione nei testi, l’adattamento a nuovi domini di strumenti per l’analisi sintattica, lo sviluppo di risorse di dati linguistici e, infine, una chiarificazione del dibattito intorno alla domanda: le macchine possono pensare?
Tutti questi sono tentativi di far avanzare una branca del sapere fondamentale in questa era dominata dalla comunicazione e dalla tecnica, dove una parte consistente delle nostre vite è ormai virtuale, ma anche dove il linguaggio per questi tramiti non smette di esprimere tutta la complessità e la diversità dell’esperienza umana.